Il Rotary Club Gattinara mercoledì 21 novembre ha organizzato una conviviale Interclub dedicata al service comune “L’uomo e l’Ambiente. Lo spreco alimentare”, cui hanno aderito il Rotary Club Arona Borgomanero, il Rotary Club Pallanza-Stresa, il Rotary Club Orta San Giulio, il Rotary Club Novara, il Rotary Club Novara San Gaudenzio, il Rotary Club Valsesia, il Rotary Club Vercelli e ha partecipato anche il Governatore 2019 – 2020: Giovanna Mastrottisi.

La Presidente del Rotary Club Gattinara, Carmen Lupo, nel suo discorso iniziale ha sottolineato l’importanza di questo service, perché l’obiettivo di consegnare alle prossime generazioni un mondo vivibile, dipende proprio dalla capacità di incidere sul presente, attivando un circolo virtuoso.

Marcello Valli ha illustrato questo progetto complesso, che si trasforma in singoli service per ciascuno dei club partecipanti, avviato nel novembre scorso, quando è stato presentato agli Istituti Superiori del territorio: Liceo Scientifico e Liceo di Scienze umane di Borgosesia, Liceo Artistico e Istituto agrario di Romagnano, Liceo di Scienze Applicate di Gattinara.

Elena Monfalcone, curatrice della progettazione, ha mostrato alcuni degli oggetti che sono stati realizzati all’interno del progetto e che vengono utilizzati nel momento in cui si interviene nelle scuole per sensibilizzare gli studenti sulla necessità di tutelare l’ambiente: schedine in stone-paper, carta non carta per produrre la quale serve l’85% di energia in meno rispetto alla carta normale, i contenitori per l’acqua che ciascuno può utilizzare in un giorno, di capienza molto diversa a seconda dei paesi.

Le maggiori associazioni ed enti che si occupano di problemi ambientali (WWF, FAI, Legambiente, Slow FoodInternational, ARPA, Fondo Edo Tempia), cui si sono aggiunti soggetti privati come la Bottega Verde, orientati al rispetto ambientale, hanno fornito dei formatori per trattare temi per i ragazzi coinvolti nel progetto: fonti rinnovabili, biodiversità, rapporti tra la produzione del cibo e l’ambiente, l’acqua, collegamenti tra la salute e il deterioramento ambientale, biosfera e inquinamento. Con l’aiuto della Cooperativa Frida che opera a Novara e dell’Associazione Le Muse di Milano, i ragazzi, con la guida della Professoressa Elena Lath, esperta di comunicazione teatrale, hanno realizzato una “performance” interattiva, che sarà presentata in tutte le classi delle scuole primarie dei territori dei club rotariani coinvolti nel progetto. Per le classi IV e V si aggiungerà la parte del progetto distrettuale riguardante lo spreco alimentare, della cui formazione si è occupata in particolare la Presidente del Club Orta San Giulio.

Da gennaio i ragazzi andranno nelle scuole, presentati dai Presidenti dei vari Rotary Club del territorio. Quest’offerta di prodotti formativi è stata accolta con particolare entusiasmo dalle scuole che l’hanno scorso avevano già aderito al progetto sul bullismo.

Il 6 dicembre, Giornata dei Talenti, gli studenti si esibiranno al Teatro Civico di Vercelli di fronte a tutti gli alunni delle

scuole elementari del territorio e saranno premiati dal Provveditore agli Studi per il loro impegno Civico.

Alla serata gattinarese erano presenti cinque dei venti ragazzi che hanno aderito al progetto: Stef Lootens (Fiandre), Nicola Shuan Sotero (Perù), Fabiola Borgato, Veronica Andoardi, Xiaolong Zhou (Cina), che hanno presentato un breve spettacolo teatrale ispirato al tema, che è stato molto apprezzato.

Piera Mazzone

Direttore Responsabile del giornale L’Opinionista. Contatti: direttore@lopinionistanews.it –
Tel. 0163 086688

Annunci

Rispondi