Il 4 novembre a Rossa è stato ufficialmente reso omaggio a Giovanni Tamiotti (1831 – 1916), Eroe del Risorgimento, soldato e volontario più anziano della guerra 1915 – 1918, la cui singolare figura è stata riscoperta e studiata da Aldo Lanfranchini. Alla cerimonia erano presenti le autorità militari e civili ed alcuni rappresentanti dell’Istituto per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon.

Dopo la Messa solenne, celebrata dal nuovo parroco della Val Sermenza, don Salvatore Gentile, dinamico prete giunto da Cureggio, e l’omaggio ai caduti tumulati nel piccolo e suggestivo cimitero del paese, è stata inaugurata una targa commemorativa, posta a fianco di quella che ricorda i caduti di Rossa, per ricordare il gesto di Giovanni Tamiotti, che non esitò a mettersi al servizio della Patria, nonostante l’età avanzata. La cerimonia si è conclusa con la lettura di una lettera inviata da S.M. il Re Vittorio Emanuele IV”, che ringraziava Rossa e il suo figlio Tamiotti”, e del proclama della Vittoria firmato Diaz.

Al termine del pranzo ufficiale il Sindaco, Alex Rotta, ha consegnato un ricordo ai rappresentanti delle associazioni rossesi, agli ex Sindaci ad alle autorità presenti, mentre l’Ispettore Generale delle Guardie del Pantheon, Sergio Antoniuzzi, ha consegnato: “A nome di S.M. il Re, una medaglia raffigurante Re Umberto II ed una preziosa agenda rilegata in pelle con lo stemma sabaudo, ad Aldo Lanfranchini per ringraziarlo del suo attento lavoro di ricerca.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piera Mazzone

Per qualsiasi informazione o inserzione scrivere a: redazione@lopinionistanews.it

Annunci

Rispondi