Procede il cammino del puncetto verso l’Unesco

Nuovo step nelliter per la candidatura a patrimonio immateriale dellUmanità dellUNESCO del saper fare legato al puncetto valsesiano: mercoledì 18 dicembre Attilio Ferla, Assessore alla Cultura dellUnione Montana dei Comuni della Valsesia e due rappresentanti della Soms di Varallo, Giorgio Bozzo e Paola Scarrone, hanno partecipato ad un incontro a Roma, presso il Ministero dei Beni Culturali e Turismo per verificare i prossimi passi da compiere.

 

«E stato un incontro interlocutorio spiega lAssessore Ferla nel corso del quale, insieme ai rappresentanti delle altre 24 zone italiane dove si realizzano merletti di qualità, si è fatto il punto della situazione e si sono concordati, con la funzionaria del Ministero che segue il progetto, i prossimi passi da compiere. A questo punto, leistituzioni pubbliche (nel caso della Valsesia Unione Montana e Comune di Varallo) hanno assicurato il sostegno necessario alla prosecuzione del progetto, quindi si apre una nuova fase continua lamministratore verrà istituito un tavolo tecnico per decidere le cosiddette misure di salvaguardia, ossia le azioni che dovranno essere messe in campo per tutelare e far conoscere questo patrimonio culturale».

 

Tra le misure di salvaguardia che si metteranno probabilmente in campo, si è pensato a mostre tematiche e dimostrazioni chepotranno essere organizzate nel breve termine, oltre che a programmi di diffusione dellarte del merletto nelle scuole, in collaborazione con il MIUR, da realizzarsi in un arco temporale più ampio: «La funzionaria del Ministero dei Beni Culturali che segue larealizzazione del programma, ha sottolineato che si dovrà trattare di iniziative molto concrete conclude Ferla sarà dunque determinante creare le giuste sinergie per portare liter a compimento, ed infine coronare la nostra azione con il riconoscimento dellimportanza di questo prezioso saper fare della nostra gente».

 

Se saranno confermate le date, il prossimo incontro si terrà il 17 e 18 gennaio a Bologna.