Il sindaco Baraggioni e l’assessore Medina, scoprono che i boschi e le vie del Paese sono usate come discariche. Oltre alla maleducazione di alcuni cittadini si evidenzia la sottovalutazione negli anni e ora dall’impatto circa l’utilizzo dei nuovi sacchi “conformi” e le modalità di raccolta differenziata.

Stupisce che abbiano inviato una lettera a tutte le famiglie solamente scritta in lingua italiana, considerando che attualmente in Romagnano Sesia sono residenti famiglie comunitarie ed extracomunitarie, non tutte a conoscenza della nostra lingua, tale da evitare possibili incomprensioni.

Inoltre si ritiene non sufficiente l’informazione circa le modalità di comportamento poiché il calendario dell’incontri riportava solo 3 giornate informativi in luoghi diversi.

Risulta che centinaia di famiglie non abbiano ritirato i sacchi conformi. Per quale motivo non si è provveduto a sensibilizzare e sollecitare ulteriormente i cittadini coinvolti a ritirare gli stessi?

Era prevedibile che ci sarebbero stati dei problemi logistici di impatto nei periodi di avvio delle nuove disposizioni. Tutto ciò fa pensare che l’amministrazione non abbia previsto un piano “B”, dove in situazioni di emergenza la stessa amministrazione avrebbe dovuto intervenire per rimuovere tempestivamente l’immondizia abbandonata per diversi giorni, al fine di evitare problemi di igiene pubblica e decoro urbano.

Anche questa volta si denota come il sindaco e anche tutti i coinvolti, non siano stati in grado di saper gestire in modo ottimale la situazione.

Distinti saluti,

Romagnano Sesia, 21 dicembre 2018​​​​​Consigliere Comunale

Annunci

Rispondi