Oggi, martedì 8 gennaio, lo sciopero degli operatori di Medio Novarese Ambiente Spa crea diversi disagi in tutti i comuni novaresi serviti dal consorzio di raccolta rifiuti. 

La mancata raccolta dei rifiuti sul territorio è un gesto che, nell’ottica del sindacato Cgil, che lo ha indetto, deve servire a richiamare l’attenzione sulle problematicità legate alla logistica del servizio. 

Un capannone per il ricovero dei mezzi richiesto da dieci anni, previsto nel piano industriale del 2016 ma mai realizzato, ha portato alla proclamazione dello stato di agitazioneInfatti da oltre dieci anni i dipendenti del consorzio denunciano il fatto che i mezzi di servizio sostino su un piazzale sterrato ed esposto a qualsiasi genere di intemperie.

A nulla è servito il tentativo di conciliazione tra le parti promosso dalla Prefettura di Novara: la Cgil è rimasta sui suoi passi, facendo notare il peso di tale situazione di ricovero precario sulla manutenzione dei mezzi e inoltre richiedendo l’ammontare complessivo dello stanziamento dei lavori emergenziali che sono stati predisposti nel tempo. 


Rispondi