Borgo Ticino, Marchese: Ho una nuova idea di Comune

Preferisco definire il mio mandato da Sindaco come un “Progetto”. Il progetto nasce da un’esperienza di 15 anni a contatto diretto con i cittadini nella mia veste di tecnico presso l’ufficio lavori pubblici e patrimonio, e dalla volontà di un gruppo di giovani che hanno scelto di unire le loro competenze e le loro idee nell’intento di servire la comunità e renderla partecipe della vita cittadina.

Come Sindaco ho deciso di concentrarmi su una nuova idea di Comune e di cittadino, che deve tenere conto dell’era in cui viviamo, delle tematiche che sono all’ordine del giorno come la sostenibilità ambientale, l’educazione civica e sociale, la sicurezza ed i canali di comunicazione più utilizzati per fare richieste, proposte, commenti ed osservazioni.
Abbiamo fondato il nostro programma su parole chiave come partecipazione, innovazione, inclusione, cambiamento e concretezza.

Il mio obiettivo e quello di questa Amministrazione è ambizioso: VOGLIAMO COINVOLGERE TUTTI!

Dai bambini, con iniziative e proposte concrete attraverso le quali possano avvicinarsi alle tematiche sopra indicate per mezzo di attività pratiche di ogni genere, ai non più giovani, i quali sono la tradizione che deve essere tramandata e condivisa.

È indispensabile avere un occhio sul futuro, ma il cambiamento deve necessariamente basarsi su radici storiche ben solide; riconoscendo quindi il grande valore dei genitori, dei nonni e di coloro che hanno fatto la storia del nostro paese e dunque la nostra storia.

Al centro della mia attenzione c’è il cittadino con tutti i suoi bisogni. Intendo dunque fondare ogni attività sulla collaborazione e sulla reciproca fiducia tra amministrazione e comunità. La collaborazione dei cittadini è essenziale e necessaria al buon funzionamento della parte amministrativa.

Non ho un modello politico e non ben definito, anche perché a neanche 40 anni penso che il modello bisogna crearselo.

Il Sindaco di Borgo Ticino Alessandro Marchese

Rispondi