Mode che vanno e mode che vengono, come il Water Bottle Flip che nei giorni scorsi ha fatto scattare l’allarme al comune di Meina, cittadina che si affaccia sulla sponda piemontese del Lago Maggiore.

Tutto è partito dal ritrovamento di alcune bottigliette di plastica piene d’acqua ritrovate sul cornicione del Comune da parte della Polizia Locale che ne ha segnalato immediatamente la presenza all’Ufficio Tecnico.

A parte l’evidente curiosità e stupore, vi è un significativo pericolo di caduta delle stesse che potrebbero colpire i passanti creando perlomeno un forte spavento, ma è da verificare che le stesse non abbiano anche danneggiato i neon usati per illuminare la facciata dell’edificio.

Giusta la forte posizione del primo cittadino Fabrizio Barbieri, che ha dato mandato di visionare le riprese delle telecamere di sorveglianza per poi passarle agli organi competenti e invita i responsabili a presentarsi in Comune, per non aggravare le cose.

Naturalmente la moda del Water Bottle Flip non poteva che arrivare anche al “diamante del Lago Maggiore”, ovvero Arona, località fortemente turistica che quotidianamente ha a che fare con “mode” di vario tipo.

In entrambi i casi il luogo scelto è la piazza centrale, che nel caso di Meina ha provocato danni all’edificio del Comune, invece per Arona si tratta della chiesa di San Graziano, più volte sotto i riflettori per fatti legati a schiamazzi, partite di pallone e altro.

In questo caso il Sindaco Alberto Gusmeroli ha voluto specificare che in Arona non ci sono atti di vandalismo significativi durante le serate della movida e neppure criticità riguardo la sicurezza. Piuttosto si tratta di maleducazione.

La sicurezza ad Arona è stata più volte aumentata, installando telecamere di sicurezza in molte zone della cittadina, anche a fronte del forte aumento del flusso turistico.

Ma torniamo alla moda del Water Bottle Flip e vediamo in cosa consiste:

se nel ventennio scorso (se non ancora più indietro) il gioco della bottiglia consisteva nel farla ruotare a terra all’interno di un cerchio composto da maschi e femmine e dove si fermava si doveva scegliere tra dire, fare, baciare, lettera o testamento, lasciando quindi alla sorte il risultato, ora si mette in campo l’abilità.

Il nuovo gioco consiste nel far atterrare in piedi, una bottiglietta con all’interno una quantità varia d’acqua,  dopo averle fatto fare una o più giravolte in aria. 

Tutta colpa di Mike Senatore, studente 18enne di un liceo della Carolina del Nord, che nel maggio 2016 negli Stati Uniti, al Talent Show di fine anno, mandò in delirio i presenti con questo “numero” che si può definire di giocoleria.

Il video che vedete diventò virale in brevissimo tempo invogliando tutti a provare, anche i più “attempati” tanto da ricevere milioni di visualizzazioni.

Anche VIP di livello internazionale si sono cimentate nella sfida della “bottiglia rotante”, del resto chiunque di noi ne ha una a portata di mano ogni giorno.

Ma a smorzare le preoccupazioni dei sindaci di Meina e Arona ci pensa direttamente Mike Senatore in un’intervista, dove spiega che “Piena sarebbe troppo pesante e rimbalzerebbe. Vuota sarebbe troppo leggera e svolazzerebbe.

L’ideale è riempirla per 2/5”, quindi in questo caso il “peso” risulterebbe minimo.

Chissà cosa ne pensano i produttori delle maggiori aziende legate all’acqua minerale e anche in redazione ci chiediamo: ma è meglio usare l’acqua naturale o frizzante… sicuramente sarebbe meglio farlo a casa propria o al limite in luoghi dove non si rischia di fare danni o incappare in multe salate.

Quindi che ben vengano queste mode non autolesionistiche, ma che si rispettino i luoghi istituzionali, di culto e artistici…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here