La nuova fibra vegetale ricavata dagli scarti della vinaccia è ideale per la creazione di borse e altri accessori. L’idea viene dall’azienda Vegea e ha vinto il primo premio da 300 mila euro conferito dalla seconda edizione del Global Change Award, un contest finanziato dalla H&M Foundation.

Il team che ha ideato il nuovo tessuto ecologico, che garantisce il benessere degli animali ed elimina la necessità di petrolio usato per produrre la pelle sintetica, è composto da Giampiero Tessitore, Francesco Merlino, Valentina Longobardo e Rossella Longobardo.

L’azienda è nata a Milano nel 2016 e produce biomateriali per i settori fashion e design con l’obiettivo di attingere esclusivamente da fonti vegetali rinnovabili e utilizzando processi che rientrino all’interno di un sistema basato sui principi dell’economia circolare, valorizzando qualcosa che altrimenti diventerebbe rifiuto.

Direttore Responsabile del giornale L’Opinionista. Contatti: direttore@lopinionistanews.it –
Tel. 0163 086688

Annunci

Rispondi