#FRIDAYFORFUTURE: “Bene la difesa del clima ma con ragionevolezza”

In tutta Italia, compreso in Provincia di Vercelli, abbiamo assistito nella giornata di venerdì 27 settembre ’19 a numerose manifestazioni di studenti collegate all’ormai famoso “Friday for future” promosso dall’attivista sedicenne svedese Greta Thunberg. Di sicuro rilievo è questa nuova sensibilità dei giovanissimi nei confronti del clima e dei danni che l’uomo causa con le sue attività e che di sicuro non può essere ignorato oltre.

 

Tuttavia, come Lega Giovani Provincia di Vercelli, ci sentiamo di prendere le distanze contro qualsiasi radicalizzazione di concetti correlati all’argomentazione principale. Anzitutto, come movimento giovanile, invitiamo gli studenti a non approfittare di tali manifestazioni per “tagliare” e starsene a casa a far nulla, come vorrebbe invece il Ministro dell’istruzione con la “giustificazione d’ufficio” proposta per quest’evento. Il clima è senz’altro un argomento serio che va affrontato con coscienza e non certo come scusa per evitare le fatiche scolastiche. Inoltre vogliamo porre l’attenzione su un approccio non ideologico ma pragmatico e scientifico a tale problema. Il rischio di crescere una generazione estremista a discapito del progresso sostenibile è un qualcosa che bisogna evitare, soprattutto in territori fragili e periferici come quelli alpini, dove ambiente e progresso devono convivere per il bene dell’economia locale legata in particolare al turismo e dove già in passato si è assistito ad assurdi teatrini di alcuni ambientalisti da salotto (ad esempio contro l’ampliamento di alcuni impianti sciistici del comprensorio del Monte Rosa). Non si difende dunque il clima con i “no” a prescindere, ma studiando soluzioni che abbiano nel progresso sostenibile la chiave di volta. Ed è questo l’invito che rivogliamo agli studenti che hanno a cuore il nostro pianeta: cambiatelo nel vostro piccolo, modificando le piccole abitudini quotidiane. Siate voi gli artefici del nostro cambiamento. Siate voi la speranza del nostro futuro. Siate voi a crescere ben informati, con i giusti strumenti per argomentare e sostenere posizioni che possano essere concretamente perseguite. Non fermatevi alla sola manifestazione, agli slogan, alle grida in piazza, ai bei discorsi al microfono. Perché se quando tornate a casa alla sera dopo una giornata di protesta continuerete con lo stile di vita insostenibile cui siamo abituati esse saranno solo giornate perse, discorsi al vento, belle idee che racchiudono sogni che rimarranno nel cassetto. Sognate, senza mai dimenticarvi che tali non possono rimanere per salvare il nostro pianeta ed anche migliorare la qualità delle nostre vite.

 

IL COORDINATORE PROVINCIALE LEGA GIOVANI PROVINCIA DI VERCELLI

CARLO STRAGIOTTI