Lego Service: non si gioca con l’occupazione

Già il 17 Gennaio, in occasione della delibera sulla variante al piano regolatore nell’area ex Officine Grafiche De Agostini,  il Gruppo Consiliare del M5S di Novara aveva chiesto di prestare particolare attenzione alla situazione dei 50  lavoratori dell’azienda Lego Service, posta all’interno dell’area oggetto della variante urbanistica.


Una variante ambiziosa ma che a nostro avviso gettava un’ombra di incertezza sugli spazi produttivi, ancora operativi, affittati alla Lego Service. L’assessore Franzoni garantiva che questi spazi non  sarebbero stati toccati dagli interventi di recupero edilizio e che il contratto d’affitto scadeva nel 2025, mentre il Sindaco rassicurava il consiglio comunale impegnandosi a seguire la vicenda in prima persona.
Apprendiamo ora dai media locali che l’azienda Lego Service non potrà sostenere i costi del trasferimento dei macchinari e i 40 lavoratori sono a forte rischio licenziamento.

Che cosa ha reso necessario questo Trasferimento?
Dov’è finito l’impegno del Sindaco Canelli al dialogo e mediazione delle parti?
Come mai quando è stata presentata in pompa magna la variante non sono state richieste garanzie nero su bianco a tutela dei lavoratori?

Dopo  che gli operai delle ex-officine grafiche  sono rimasti senza lavoro, la nostra città rischia di subire un ulteriore dramma occupazionale!
Da 3 anni questa maggioranza non perde occasione per sventolare ai 4 venti migliaia di posti di lavoro in arrivo grazie alle varianti al prg (Agognate, ex Officine Grafiche e ultima l’area di S. Agabio) ma dovrebbe cercare, nel frattempo, di salvaguardare anche e soprattutto quelli già esistenti!

Gruppo Consiliare M5S Novara