Nellambito delle iniziative finalizzate a realizzare i progetti di smart city e innovazione dei servizi, dal 22 ottobre, la Cupola della basilica di San Gaudenzio, uno dei simboli della città, non sarà illuminata a seguito dellavvio della posa di un più moderno impianto dilluminazione, intervento che si concluderà con il periodo pre-natalizio per restituire alla città un monumento ulteriormente valorizzato in tutta la sua bellezza e il suo pregio.

“Lintervento spiega lassessore alla Cura della Città Federico Perugini rientra nel progetto sulla pubblica illuminazione che lAmministrazione ha avviato con la società Citelum sa su base convenzione Consip. Tra gli impegni di Citelum sa, che per nove anni a partire dal marzo di questanno gestirà tutti gli impianti di illuminazione e semaforici di proprietà del Comune e ne curerà la manutenzione straordinaria, ci sono anche quello dell’installazione di circa duecento telecamere per la videosorveglianza e quello, appunto, della posa dell’illuminazione artistica sia della Cupola di San Gaudenzio, sia anche di altri monumenti cittadini. Quello che riguarda la Cupola è il primo di questa serie: al di là delloggettivo miglioramento della qualità dellilluminazione, va rimarcato anche il cambio della modalità del lavoro svolto dagli addetti del Comune, che potranno intervenire senza dover accedere materialmente ai fari finora utilizzati, gestendo laccensione da una consolle interna. Entro Natale conclude lassessore la nostra Cupola tornerà a essere illuminata con un risultato ed effetti di gran lunga migliori rispetto a quelli attuali”

Direttore Responsabile del giornale L’Opinionista. Contatti: direttore@lopinionistanews.it –
Tel. 0163 086688

Annunci

Rispondi