Ghemme. Prospettive di crescita e progetti futuri

Le prospettive di crescita del Comune di Ghemme sono legate al Piano di Riequilibrio pluriennale approvato con delibera n° 26/2017/PRSP del 01/02/2017 dalla Corte dei Conti Sezione Regionale del Piemonte che, l’attuale Amministrazione ha dovuto, suo malgrado, affrontare per mantenere i servizi in essere alla popolazione Ghemmese e ridare una prospettiva di crescita alla comunità.

Tale piano si chiuderà col bilancio del 2020 se gli impegni presi per un percorso di risanamento dei conti saranno mantenuti. Con queste premesse non è per nulla facile intervenire con progetti a medio e lungo termine in quanto la capacità di indebitamento del Comune è pari a zero.

Nonostante questo, alcuni progetti stanno andando avanti e altri saranno affrontanti nel medio termine in modo da realizzare gli interventi che l’attuale amministrazione si è impegnata a realizzare durante il proprio mandato.

Entro l’inverno partirà la nuova area ecologica in Regione Croce che segnerà la dismissione del vecchio centro di raccolta temporaneo sito in Via Vittorio Veneto.

Al suo posto sarà realizzato un parcheggio a servizio del polo scolastico. Abbiamo messo le basi per una nuova riqualificazione dell’illuminazione pubblica che vorremmo realizzare entro la primavera prossima.

Attraverso un finanziamento Regionale è stata realizzata la verifica sismica sulle scuole, questo intervento ci darà la possibilità di partecipare ad altri bandi per rendere le nostre scuole più sicure.

Al più presto si realizzerà un intervento su alcune strade rurali attraverso il PSR 4.5.1 (Piano Sviluppo Rurale) con il quale il Consorzio Strade Vicinali ha ottenuto circa 65.000 euro di finanziamento da investire.

Infine stiamo lavorando per l’apertura della RAF disabili sita in Via Roma che darà la possibilità ad ospitare dieci disabili gravi sul nostro territorio, l’iter è già stato avviato e con la Coop vincitrice dell’appalto, si spera di aprire dopo quattordici anni di attesa.

Ci sarà un intervento di riqualificazione sulla Caserma dei Carabinieri grazie al decisivo apporto finanziario dei privati.

Entro la fine del 2018 l’iter per la Variante strutturale al Piano Regolatore dovrebbe  finire, permettendo uno sviluppo più organico e funzionale alle caratteristiche del paese sia  per i privati che per le imprese che vorranno investire a Ghemme.

Il futuro prossimo, ci vedrà più impegnati nelle manutenzioni ordinarie su un patrimonio Comunale, molto consistente ma vetusto, sovradimensionato alla popolazione attuale che richiede massicci impegni di spesa.

Risorse che il Comune di Ghemme non ha, che dovrà reperire anche con l’aiuto del settore privato, sarà una nuova sfida tutta da giocare.

Davide Temporelli Sindaco di Ghemme

 

Rispondi