Borgosesia. “Chi abbandona i rifiuti 200 euro di multa”

Regalo di compleanno che non dimenticherà per un uomo che a Frazione Orlongo di Borgosesia è stato colto ad abbandonare rifiuti ingombranti nei pressi dei cassonetti dove i frazionisti conferiscono la spazzatura.

Il fatto è accaduto questa ieri mattina presto, quando un altro frazionista ha pubblicato su Facebook un’immagine che ha subito allertato la Polizia Municipale di Borgosesia. Sul posto si è recato un ispettore ambientale, il quale si è trovato davanti un vero e proprio scempio: nei pressi dei cassonetti c’erano mobili ed altri rifiuti gettati alla rinfusa, senza alcun rispetto per le regole che in casi come questo sono molto semplici.

«Chi deve sgomberare casa, come pare sia accaduto a questo signore – spiega Dario Pavanello, direttore della Seso –  deve semplicemente chiamare la SESO al n.0163.23490 e prenotare il ritiro ingombranti, che ha un costo base di 15 euro. Chi avesse quantità considerevoli di materiale da smaltire, può arrivare a spendere massimo 30 euro. In alternativa – aggiunge Pavanello –  si possono conferire i rifiuti con mezzi propri presso il centro di raccolta indicato da Seso, in questo caso gratuitamente o, in caso di grandi quantità di rifiuti conferiti, con i costi previsti da un’apposita tabella».

Il Signor D.G., stamattina invece ha deciso di lasciare tutto il materiale vicino ai cassonetti, ma è stato visto da un suo vicino di casa che ha pubblicato il fattaccio sui social: «Chi assiste a simili comportamenti deve chiamare la Polizia Municipale, non scriverlo su Facebook – commenta il Sindaco, Paolo Tiramani – comunque in questo caso l’attenzione dei nostri agenti ha fatto sì che la denuncia, seppure anomala, abbia condotto a colui che ha abbandonato i rifiuti: un comportamento incivile, che sarà sanzionato come previsto dal Regolamento di Polizia Municipale – aggiunge Tiramani – l’uomo dovrà pagare una multa salata: spero che questo serva da lezione a lui e a quanti come lui non hanno rispetto per le regole, per il territorio e per i loro concittadini».

L’uomo, che proprio oggi compie 53 anni, si è giustificato dicendo che non sapeva che fosse vietato collocare il materiale in quel modo e non sapeva dove altro buttarlo: «Bene – conclude il Sindaco – ora sicuramente lo sa, e come lui mi auguro che questo episodio serva a far comprendere a tutti che i rifiuti vanno gestiti nel rispetto delle regole, a tutela del nostro ambiente: i servizi ci sono, impariamo ad usarli!».