In lutto per Marco Tancini, aveva solo 31 anni

Si è spento oggi nell’ospedale Maggiore di Novara, Marco Tancini, 31 anni. A distruggere la vita di questo ragazzo, amato e ben voluto da tutti, è stato un terribile incidente in moto, di cui è stato vittima domenica 26 luglio, lungo la strada provinciale che collega Lenta a Ghislarengo (VC). Marco era stato portato d’urgenza in elisoccorso nel nosocomio novarese, dove per tre giorni ha lottato tra la vita e la morte, tra le preghiere della famiglia e degli amici che fino all’ultimo hanno sperato in un miracolo.

Purtroppo non c’è stato nulla da fare: oggi, mercoledì 29 luglio, Marco si è spento, gettando l’intera comunità nello sconforto per la terribile perdita. Il giovane lascia la figlia Sofia, di soli 7 anni, la compagna, i genitori, la sorella, i parenti tutti, gli amici, e colleghi di lavoro.

Marco era titolare di una nota ditta di falegnameria ed era molto apprezzato per l’impegno e la dedizione al suo mestiere, che svolgeva con instancabile entusiasmo. Marco non si fermava mai: era sempre in movimento per il suo lavoro, eppure riusciva ad essere anche molto presente con la famiglia e con gli amici. Insieme a lui, una tranquilla sera di un giorno qualunque, poteva magicamente trasformarsi in un momento di festa spensierata, grazie alla sua solarità. 

Il suo desiderio di stare tra la gente, e di condividere con gli amici e gli affetti, momenti di gioia quotidiana, era così forte che l’anno scorso Marco aveva avviato con l’amico Michele Commisso, un nuovo locale ad Arona, il Nautica Beach, riscuotendo un incredibile successo sul lago.

In breve tempo, l’attività si è affermata sul territorio, catalizzando l’attenzione del pubblico, che amava andare al Nautica, innanzitutto perchè a gestirlo c’erano Marco e Michele.

Noi di l’Opinionista News li avevamo intervistati nel giorno dell’inaugurazione:

http://www.lopinionistanews.it/video/sabrina-marrano-intervista-marco-e-michele-di-nautica-beach-club/

Nessuno avrebbe mai potuto immaginare che la splendente vita di questo ragazzo, così volenteroso e apprezzato da tutti, potesse interrompersi così, tragicamente e all’improvviso, in un placido pomeriggio d’estate, a bordo di quella moto acquistata da poco e di cui andava lui orgogliosamente fiero.   

Da tutta la Redazione, sentite condoglianze alla famiglia e agli amici tutti.

Dir. Sabrina Marrano