“La domotica: l’arte di comunicare elettricamente” con il Lions Club

Piero Minazzoli presidente Lions, carlo Bignoli e Francesco Cerutti.

Piero Minazzoli presidente Lions, carlo Bignoli e Francesco Cerutti.

Per chi ha qualche anno sulle spalle e si ricorda i cartoni animati di Hanna e Barbera “I Jetson- i pronipoti” allora tutto diventa più semplice. Il futuro era immaginato come un qualcosa dove, schiacciando un pulsante, tutto andava secondo la volontà del proprietario di casa. Così è già oggi: la realtà ha superato di gran lunga la fantasia e lo farà ancora con la Domotica (parola che deriva dal francese domo più informatique). Di questa tematica si è parlato nel meeting del 16 gennaio al Lions Club Borgomanero Host con l’Ingegner Carlo Bignoli, specialista del settore grande appassionato di super tecnologie. La sua relazione, ha posto l’accento sulla “domotica come lingua che ci permette di comunicare con le apparecchiature elettriche” garantendo così di “gestire e comandare tutto quello che c’è di elettrico”. Bignoli non è stato certamente avaro di spiegazioni, illustrando le varie modalità e operatività della Domotica: dall’utilizzo di un percorso di luci soffuse al posizionamento di una canna fumaria sali-scendi; dalle tapparelle comandate all’unisono, ai pali di illuminazione del campo da tennis che si alzano da soli quando si gioca di notte. “La Domotica – ha sottolineato – permette di fare cose semplici e di trasformare la casa in uno ‘smartphone’ utilizzabile da tutti”. Infine la peculiarità principale è quella di poter “interpretare e progettare per una casa le abitudini di vita delle persone che vi abiteranno”. Cosa c’è di più semplice? La Domotica ovviamente.