Edoardo Ferri, giovane promessa del motorsport

<<Quando guido, provo un senso di spensieratezza, di velocità e di libertà: mi sento libero>>. Così dice Edoardo Ferri, 17 anni non ancora compiuti, novarese, che ha appena firmato un contratto con la “Not Only Motorsport” per correre nel campionato di Formula 4, le porte della Formula 1.
Edoardo ha sempre avuto la passione dei motori:<<Da piccolo – dice – vivevo nell’officina di mio nonno. A quattro/cinque anni ho cominciato a correre in minimoto e a fare le prime gare. Mi ricordo che alla mia prima gara ero in griglia di partenza e stavo piangendo dentro al casco. Ma quando è partita la corsa – afferma – mi sono dimenticato di tutto e ho corso>>.
Qualche anno dopo approda nel mondo dei kart, prima a noleggio nei kartodromi, poi con uno proprio:<<Mio papà mi ha comprato un kart e ho disputato il campionato italiano di kart. Dopodiché sono passato alle auto formula, che sono a ruote scoperte>>.
Pochi mesi fa, durante una giornata di test, è stato visto dalla “Not Only Motorsport”, scuola racing con sede a Vignate (Milano). Assieme, hanno un progetto molto ambizioso e impegnativo: correre in Formula 4 nel 2021. <<L’otto settembre c’è stata la presentazione del team e dei suoi componenti. Un’emozione unica– dice Edoardo – Certamente, però, sarà molto impegnativo organizzarmi con la scuola: l’anno prossimo sarà tutto più complicato, dal momento che avrò le gare. Vado anche in palestra per prepararmi dal punto di vista fisico>>.
Il suo idolo è Valentino Rossi:<<La sua capacità di collaudare e di guidare è incredibile, mi piacerebbe vederlo gareggiare con le auto>>.
Edoardo è affiancato da suo papà Andrea, che lo segue in ogni giornata di test:<<Cerchiamo degli sponsor che possano aumentare il budget di Edoardo: purtroppo – afferma – in Italia si investe poco sulla crescita dei giovani talenti ed è un peccato perché l’Italia è terra di motori>>.
Edoardo ha i sogni ben chiari:<<Mi piacerebbe vivere e lavorare nel mondo dei motori, cercare di fare una scalata verso chissà…la Formula 1?>>.
Nel campionato F4 Edoardo parteciperà affiancato dal team “Not Only Motorsport”: in realtà la “Not Only Motorsport” non è nata come una scuderia, ma come una scuola per meccanici da pista. Fondata nel 2018 da Simona Del Plavignano, il suo obiettivo è proprio quello di formare tecnici racing.
<<Abbiamo suddiviso il percorso formativo – spiega Del Plavignano – in tanti piccoli corsi di specializzazione, che riguardano a 360° le vetture, dall’assetto da gara, dalle trasmissioni, dagli impianti elettri e frenanti fino alla preparazione dei motori. Scomponiamo la macchina in piccoli settore nei quali l’allievo può specializzarsi>>.
I corsi sono federati ACSI e CONI e riconosciuti a livello nazionale. <<Sono a numero chiuso, come in una università. – dice Simona – Abbiamo una parte teorica e una pratica. Nella prima l’alunno segue delle lezioni con un insegnante e un tutor che cura il processo d’apprendimento. La parte pratica viene divisa in due sezioni: in officina con la preparazione al banco delle macchine e, in un secondo momento, in pista, dove piloti professionisti verificano ciò che è stato preparato>>.
Numerose giornate di test seguiranno Edoardo e il team verso il campionato di Formula 4 2021:<<Stiamo lavorando – afferma Del Plavignano – per partecipare a due gare nel campionato di quest’anno, tra fine novembre e inizio dicembre. Il campionato 2021 sarà il primo a cui partecipiamo con il nostro nome>>.
<<Il mondo del motorsport è un lavoro dove la passione conta moltissimo, senza quella non riesci ad andare avanti. La concentrazione dev’essere sempre al massimo>> conclude.
Il motto della “Not Only Motorsport” è “fai della tua passione la tua professione”: che sia di buona auspicio per Edoardo Ferri, giovane promessa del motorsport.

 

Davide Crudele

 

Edoardo Ferri alla sua presentazione
Edoardo Ferri alla guida con il numero 7