Borgosesia, l’opportunità di nuovi investimenti commerciali

Il commercio a Borgosesia contiene gli effetti della crisi economica globale e addirittura chiude il 2020 accogliendo nuovi avvii di attività: in città fortunatamente il settore, pur con qualche sofferenza, non ha registrato i pesanti danni subiti da diversi centri vicini durante il lockdown (nota è la situazione difficile di Biella e Borgomanero) ed in questo periodo dà segnali di crescita, con nuovi investitori ormai pronti ad aprire i loro esercizi.

Soddisfatto Costantino Bertona, Assessore al Commercio: «Stiamo raccogliendo i frutti di una pianificazione attenta, in linea con i nostri obiettivi dichiarati in campagna elettorale: per noi lo sviluppo e il potenziamento del commercio sono sempre stati prioritari. In quest’ottica abbiamo messo in campo diverse iniziative – spiega l’amministratore – concedendo per esempio di occupare il suolo pubblico gratuitamente per esporre i propri prodotti all’esterno dei negozi, o decidendo di “sburocratizzare” diverse procedure relative all’attività commerciale, o ancora suggerendo (e lasciando poi alla libera iniziativa di ognuno) di allestire spazi outlet all’interno dei negozi per attrarre clientela. Abbiamo anche proposto – aggiunge – “Adotta una vetrina”, una misura ben accolta, che è servita a rivitalizzare il centro storico».

A Bertona fa eco il Sindaco Paolo Tiramani, ideatore e promotore dell’iniziativa che ha portato al riutilizzo a fini promozionali degli spazi espositivi non utilizzati: «Con “Adotta una vetrina” siamo stati i primi, in Italia, ad attivare un meccanismo efficiente per contrastare il fenomeno della perdita di negozi nei centri storici – spiega il primo cittadino – poiché la nostra città ha sempre avuto la vocazione di centro commerciale di riferimento per tutta la Valsesia, il nostro impegno è quello di non perdere questo ruolo, anzi di potenziarlo. In quest’ottica ho dato incarico all’assessore all’urbanistica, Eleonora Guida, di censire gli spazi commerciali liberi in città, in modo da facilitare l’incontro tra chi cerca spazi dove installarsi e chi ne ha disponibilità. Le ricadute su tutto il sistema-città sono importanti – aggiunge Tiramani – e si traducono in qualità della vita, servizi, lavoro per i nostri cittadini».

Al momento realtà commerciali diverse hanno fatto richiesta di installarsi a Borgosesia: «Per i nuovi insediamenti commerciali abbiamo stabilito regole precise – dice l’assessore al commercio Bertona – pertanto, escluse 3 aree della città dove possono installarsi esercizi di medie dimensioni, nel centro c’è spazio solo per negozi di massimo 250 metri quadri: arriverà quindi un piccolo supermercato all’area ex Conad, poi un negozio di abbigliamento  per bambini e uno sportello di servizi. Ed anche un nuovo ristorante. Segnali positivi, che avranno sicuramente ricadute positive su tutto il commercio cittadino, ivi compresi bar e ristoranti».

Un quadro dinamico, che soddisfa gli amministratori, i quali vedono nei nuovi arrivi buone opportunità per l’ ulteriore crescita per Borgosesia: «E’ importante che i nuovi punti vendita vengano vissuti come una potenzialità ed un arricchimento – dice ancora il Sindaco – e non in modo ostile: l’amministrazione saluterà sempre con entusiasmo chi decide di investire a Borgosesia, perché questo è sintomo di fiducia verso il nostro tessuto economico e di crescita per il futuro di tutti noi. In bocca al lupo dunque a tutti i nuovi arrivi, così come a coloro che già operano in città e che, con la qualità dei loro negozi, tengono alto il nome del commercio cittadino».