Varallo: presentati i libri di Sonia Maria Emilia Burla

Sabato 24 ottobre in Biblioteca a Varallo, sono stati presentati due libri sugli animali scritti dalla varallese Sonia Maria Emilia Burla: Il piccolo regno di Avalon e Il piccolo popolo di luce. L’autrice, fondatrice quindici anni fa dell’Associazione: “Animali disabili nel cuore”, sciolta nel 2018 perché la gestione era diventata troppo impegnativa, è sempre e sempre impegnata nel prendersi cura degli animali “speciali”.

L’Assessore Nathalie Ricotti ha portato il saluto dell’Amministrazione Comunale, che ha concesso il patrocinio ad entrambe le pubblicazioni, congratulandosi per questo doppio successo editoriale. Ferruccio Baravelli è stato colui che ha subito creduto in Sonia e nel suo impegno di scrivere, riprendendo idealmente la valente penna del nonno Costantino, autore di numerosi volumi dedicati alla Valsesia e anche del testo della canzone del Carnevale varallese.

Sonia racchiude una grande sensibilità al dolore degli altri, unita all’amore per gli umani e per gli animali: come infermiera professionale si occupa dei pazienti oncologici, mentre nel tempo libero si prende cura degli ultimi degli ultimi, gli animali con gravi patologie, o quelli in senescenza avanzata.

Sonia ha spiegato che prima gli animali disabili ufficialmente non esistevano, perché le loro esistenze venivano troncate prima, poi presa coscienza di questa realtà, si è posto il problema di dove collocarli, di chi potesse prendersene cura: tripodini (a tre zampe), guercetti (ciechi da un occhio) a trazione anteriore (paralizzati agli arti posteriori), avevano bisogno di assistenza, ma soprattutto di affetto, perché loro si adeguavano alla disabilità, e Sonia ha iniziato a dare un senso anche alla vita breve, accogliendo anche animali in fase terminale, aiutandoli a morire con dignità, circondati da affetto.

Questi libri sono nati proprio da un bisogno profondo di raccontare esistenze particolari: “Passando tanto tempo accanto a quelli che avevano più bisogno ho cominciato a scrivere su un grande quaderno. Il secondo libro è come se mi fosse stato dettato da questi animali per dar luce, far conoscere le loro vite complicate. Ringrazio Valentina Gorla che ha pazientemente trascritto al computer i miei racconti, Ferruccio che mi ha incoraggiata e corretta, Enzo Tornoni, che è stato l’editor del secondo libro”

Al termine è intervenuto il più giovane lettore di questi libri: Matteo, undici anni, che ha un cane razza cane: “Sono libri che aiutano a far capire come ci sia un mondo dietro ciò che si vede…e poi sono racconti che prendono e non smetti mai di leggere”.

I libri di Sonia sono disponibili anche in Biblioteca, ma acquistandoli si aiuta a sostenere questo generoso progetto rivolto agli animali, ricambiando quell’affetto incondizionato che essi ci offrono quotidianamente.

Piera Mazzone