Gattinara ha partecipato alla selezione nella sezione denominata “Vite” e dedicata alle tradizioni legate alla cultura popolare e all’enogastronomia tipica locale. Il riconoscimento va appunto a quelle città come Gattinara che hanno saputo esaltare e trasmettere, attraverso la conoscenza e la sopravvivenza del folclore, i colori e i sapori del loro territorio.

Daniele Baglione ed Eraldo Botta alla consegna del riconoscimento

Mentre Varallo ha partecipato nella sezione che premia quelle città che hanno saputo valorizzare il proprio patrimonio culturale, incrementando l’appeal estetico dei propri centri abitati: dalla cura delle aree verdi alla conservazione delle strutture nei centri storici, con particolare attenzione a bellezza, pulizia e decoro.

Il Premio Mete d’Italia si propone di rendere merito alle migliori esperienze finalizzate allo sviluppo, alla crescita, al potenziamento realizzate per il miglioramento concreto della qualità della vita dei cittadini, in un’ottica di sostenibilità e di promozione della cultura; un premio a quelle comunità che hanno saputo sviluppare un’idea di futuro originale e autentica, senza mai perdere il contatto con le origini legate alle radici del luogo. La “mission” del premio è quella di unire le forze con gli Enti territoriali e locali, per creare insieme nuove sinergie e opportunità: lo scambio di esperienze, competenze, modelli virtuosi.

Il Sindaco di Gattinara, Daniele Baglione e il Sindaco di Varallo, Eraldo Botta hanno presenziato alla consegna del riconoscimento “100 mete d’Italia” che si è tenuta lo scorso 16 novembre presso il Senato della Repubblica nella prestigiosa Sala Koch di Palazzo Madama.

Gattinara, come Varallo, inoltre, avranno due pagine dedicate nel prestigioso volume “100 Mete d’Italia” Edito da Riccardo Dell’Anna. Un volume che promuove i valori dell’italianità, guidando il lettore in un cammino tra località sorprendenti, raccontandone la storia; le meraviglie dell’arte; l’originalità dello stile; la qualità dei prodotti, alimentari e non solo; il gusto per l’ospitalità, la bellezza dei luoghi e il coraggio di fare fronte alle difficoltà.

«Questo riconoscimento – commentano Daniele Baglione e Eraldo Botta, rispettivamente Sindaci di Gattinara e Varallo Sesia – rende merito agli sforzi compiuti per il miglioramento concreto della qualità della vita nelle nostre città, in un’ottica di sostenibilità e di promozione turistica, senza mai perdere il contatto con le origini legate alle radici del luogo».

Le giornata romana è stata anche l’occasione per i Sindaci di Gattinara e Varallo di incontrare l’Ing. Luigi Cantamessa, Direttore della Fondazione Ferrovie dello Stato e discutere delle linee ferroviarie come la Novara – Varallo e l’Arona – Santhià linee ferroviarie importantissime per tutto il territorio.

 

Direttore Responsabile del giornale L’Opinionista. Contatti: direttore@lopinionistanews.it –
Tel. 0163 086688

Annunci

Rispondi