Fondazione Comunità Novarese Onlus sostiene il progetto Scuole e Giovani, inserito nella quinta edizione del Festival della Dignità Umana, promosso dall’Associazione Dignità e Lavoro – Cecco Fornara Onlus di Borgomanero (NO) che ha come tema la “Speranza di futuro”.

E lo fa, con un contributo di 10.000 euro, concesso attraverso i Bandi 2018.

Abbiamo scelto di sostenere anche quest’anno il Progetto Giovani del Festival perché crediamo sia indispensabile coinvolgere le giovani generazioni in progetti culturali che hanno anche una valenza sociale.

Il Festival della Dignità Umana consente ai ragazzi non solo di riflettere su tematiche importanti per il benessere sociale ma anche di partecipare attivamente agli incontri e di entrare in contatto con realtà che si occupano concretamente e direttamente di soggetti in difficoltà sul territorio.

Fornire un’esperienza e, allo stesso, tempo saper diffondere contenuti preziosi e di grande valore per la vita è un duplice merito della manifestazione che andiamo a supportare

commentano Cesare Ponti, Davide Maggi e Giuseppe Nobile, rispettivamente Presidente e Vice Presidenti di Fondazione Comunità Novarese Onlus.

Il Festival della Dignità Umana 2018, si propone infatti, come nelle passate edizioni, di tributare una particolare attenzione al mondo della scuola e dei giovani sviluppando ulteriormente la collaborazione con Istituti Medio Superiori di Borgomanero, Gozzano e Novara.

Nello specifico, sono inseriti nel progetto l’ITI Leonardo Da Vinci di Borgomanero, l’Istituto Don Bosco di Borgomanero, il Liceo Galileo Galilei di Borgomanero e Gozzano, il Convitto Nazionale Carlo Alberto e il Liceo Classico e Linguistico Carlo Alberto di Novara.

Anche quest’anno il Comitato Organizzatore del Festival ha voluto porre attenzione ai giovani, in particolare agli studenti degli Istituti medio superiori del territorio di Borgomanero e Novara con due iniziative specifiche: la creazione del Festival Giovani in cui vengono raccolti tutti gli eventi che riguardano i giovani e la costituzione di un Comitato Studenti che ha affiancato il Comitato Organizzatore nella programmazione degli eventi.

Due iniziative che devono essere sviluppate e potenziate ma che testimoniano l’impegno dell’Associazione per un maggior coinvolgimento dei giovani nel Festival.

Anche in occasione di questa quinta edizione verrà offerta ai ragazzi la possibilità di partecipare ad incontri di formazione sulle tecniche manageriali e di approfondire i temi affrontati nel Festival anche contribuendo all’organizzazione degli eventi nell’ambito di un programma di alternanza scuola –lavoro

commentano Carlo Volta e Luciano Chiesa, Presidente e Vice Presidente dell’Associazione Dignità e Lavoro.

La sezione del Festival dedicata alle scuole e ai giovani nasce, quindi, per offrire agli studenti un’occasione di riflessione su temi importanti che hanno rilevanza nella vita lavorativa e in quella sociale. Le iniziative saranno così articolate:

 Incontri per offrire agli studenti una serie di riflessioni, stimoli e testimonianze sul tema della speranza e del futuro con proposte di esperienze di collaborazione con associazioni di volontariato;

 Raccolta di adesioni ed esperienze in associazioni di volontariato con affiancamento da parte dello Staff tecnico del Festival;

 Valutazione delle esperienze.

Tra le associazioni di volontariato che hanno aderito al progetto figurano Associazione Dignità e Lavoro Cecco Fornara Onlus, A.M.A. Associazioni Malati Alzheimer Novara Onlus, Associazione AUSER – Novara, Associazione AUSER – Borgomanero, Associazione MAMRE Borgomanero, Cooperativa Lavoro Malgrado Tutto, Cooperativa Vedogiovane.

Durante il Festival, gli studenti saranno, anche, coinvolti direttamente negli incontri per la distribuzione del materiale, l’accoglienza, la presentazione dei relatori e domande a questi ultimi.

Il progetto prevede, poi, una serie di attività formative tecnico aziendali, sviluppato in collaborazione con l’ITI Leonardo Da Vinci di Borgomanero che promuove una serie di incontri con manager e dirigenti d’azienda che forniranno un’esperienza diretta, pratica e concreta.

A scuola, indirizzati agli studenti, sono previsti anche incontri con relatori illustri quali Davide Maggi (Professore Università Piemonte Orientale e Vice Presidente Fondazione Comunità Novarese Onlus), Anna Chiara Invernizzi (Professoressa Università Piemonte Orientale e Vice Presidente Fondazione CRT), Giambattista Tshiombo (Ricerca medica Fondazione Cariplo), Alessandra Cavanna (Cavanna Spa – Prato Sesia) pensati per tracciare un percorso di studio e riflessione su tematiche attinenti l’argomento principe dell’edizione attuale.

Da quest’anno, il Festival vanta un Comitato degli Studenti, formato da un rappresentante per ogni istituto coinvolto che contribuisce alla programmazione della kermesse, al fine di incontrare anche le esigenze dei più giovani. Al fianco, un comitato d’insegnanti con lo scopo di coordinare le attività degli studenti, prima e durante il Festival.

L’Associazione Dignità e lavoro – Cecco Fornara Onlus ha scelto anche di istituire, in occasione del Festival, una borsa lavoro per facilitare l’ingresso di un giovane in difficoltà nel mondo del lavoro.

L’esperienza avverrà presso un’azienda o una cooperativa sociale e durerà 6 mesi.

Un Festival, quindi, dove i giovani si fanno sempre più largo per diventarne protagonisti. E che, per questo, incontra gli obiettivi della Fondazione Comunità Novarese Onlus.

Annunci

Rispondi