Non si costruisce un nuovo ospedale con l’agitazione propagandistica

Il Consigliere regionale Mimmo Rossi in una nota dal titolo “I bluff del centrodestra sulla Città della Salute” accusa la Giunta Regionale e l’Assessore alla Sanità di non aver approvato, neppure nell’ultima riunione di Giunta, “la norma finanziaria per lo sblocco della Città della Salute di Novara”                                                                                                      Continua l’agitazione strumentale.                                                                                                                                        Non risulta, infatti, che egli – pur essendo all’epoca Presidente della Commissione Sanità del Consiglio Regionale –  abbia avuto la medesima  indignata sollecitudine nei confronti della Giunta presieduta dal suo compagno di partito Chiamparino (che pure aveva ricevuto la richiesta degli uffici ministeriali)                                                                                               Né risulta che abbia profferito verbo quando il 22 maggio    in piena campagna elettorale –  Presidente Regionale, Assessore, Giunta  approvarono una Deliberazione assolutamente inutile: perché la richiesta degli uffici ministeriali era, ed è,  quella  di una Deliberazione con la quale la Regione Piemonte assuma l’impegno di  pagare al costruttore della Città della Salute il c.d. Canone di Disponibilità (ovvero l’affitto: diciotto milioni e cinquecentocinquemila euro all’anno per 26 anni). qualora l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Novara non vi faccia fronte.                                                                                                                                                                          Una Deliberazione che non poteva, e non  può, che essere una Deliberazione del  Consiglio Regionale.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 Non sappiamo cosa deciderà di fare il Presidente Cirio.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                L’unica decisione, saggia ed utile,  che dovrebbe assumere è quella di affrontare i problemi  – sino ad oggi irrisolti – che sono la vera causa che impedisce la prosecuzione dell’iter per la realizzazione della Città della Salute.                                                                                                                                                                                                              Se, invece,  dovese scegliere la strada insensata  di sottoporre al voto del Consiglio Regionale la Deliberazione chiesta dagli uffici ministeriali, ogni Consigliere  regionale – a partire dagli indignati – sarà chiamato a fare i conti   con la realtà e con le responsabilità personali di come voterà.                                                                                                                                                   Perché i voti  non sono  chiacchere.

                                                                                                                          Il Coordinamento di Rete Salute Novara

Annunci