Con Gazzara la “Vègia lataria” cambia look

Il Vicesindaco Luciano Carlana e Moris Gazzara

Gazzara Costruzioni riqualifica con stile inconfondibile l’area dismessa della Vègia lataria di Divignano

La neve che anche in questa parte del Piemonte si vede sempre più raramente a bassa quota, invece questa mattina cade copiosa ricoprendo tutto di una candida coltre bianca. Un avvenimento ormai raro, che rende la visita alla caratteristica opera realizzata a Divignano (No) dalla Gazzara Costruzioni di Comignago (No) ancora più speciale. Infatti, l’impresa di Moris Andrea Gazzara si distingue per l’utilizzo di una tecnica artigianale per pavimentazioni sia d’interni che esterne che consente di creare ogni volta degli effetti di colore unici e irripetibili. Una tecnica che l”impresario edile ha appreso con grande interesse da una ditta leader nel settore e che Moris propone sia in contesti privati che pubblici per dare un’identità riconoscibile e inconfondibile a ogni spazio. É quanto è successo appunto a Divignano, dove in collaborazione con l’amministrazione comunale ha avuto il delicato incarico di riqualificare un’area abbandonata trasformandola in un tempio della memoria divignanese, caratterizzata, oltre che da una graziosa area verde, anche da un pratico vialetto accessibile anche ai diversamente abili, che conduce a un comodo parcheggio. L’intervento non ammetteva errori, sia perchè la zona in questione si trova proprio in centro paese e rappresenta una componente fondamentale del tessuto urbano e culturale, sia perchè con questo progetto il Comune ha voluto dare un segnale forte ai divignanesi, convincendoli a lasciare la macchina nella nuova area parcheggio appena all’esterno del centro, per recarsi a piedi nei negozi o nei bar, per vivere così di più il paese. Obiettivo raggiunto con successo grazie alla Gazzara Costruzioni, una certezza per l’amministrazione comunale in materia di interventi edili. «Conosciamo da anni l”impresa ed abbiamo piena fiducia nel suo modo di lavorare» evidenzia il vicesindaco Luciano Carlana giunto in loco durante questa mattina di neve. Ecco l’opera: là dove un tempo sorgeva la più antica latteria sociale del Piemonte, risalente al 1911, non restavano che ruderi. Infatti la struttura, a causa del disuso, nel corso degli anni cadde a pezzi e, dopo la demolizione del 2016, di essa si conservarono solo alcuni elementi, come ad esempio il grande portale d’ingresso e alcune pietre. Un’immagine decisamente poco qualificante per il piccolo paesino. Invece adesso, grazie all’intervento mirato della Gazzara costruzioni, vediamo, proprio in centro paese, un prato in cui i bambini possono allegramente giocare, mentre i nonni ne approfittano per sedersi sulle caratteristiche panchine realizzate dalla ditta di Moris rifunzionalizzando le pietre della vecchia latteria. A ricordo di quest’ultima, il cancello d’ingresso si erge come monumento a sé ad un’estremità del prato e su una delle sue due colonne portanti di mattoni è stata apposta una targa che ricorda la storia della “vègia lataria”. Un grazioso vialetto conduce fino al portale che da accesso al prato eccezionalmente innevato. Accanto sorge un magazzino, dove grazie al muretto esterno realizzato dalla Gazzara costruzioni si è abbattuta l’umidità. Il pavimento della rampa di accesso al parcheggio è di rara bellezza: è stato fatto a mano dagli artigiani specializzati del team Gazzara: Sandro Gallo, Piero Mitrugno, Michele Rossi e Franco Andreoli. Hanno utilizzato dei getti di calcestruzzi lavorati con polveri al quarzo e film idrorepellente che consente alla superficie di assumere ogni volta finiture uniche e irripetibili. La visita è terminata, alziamo gli occhi al cielo: non nevica più e un timido raggio di sole fa capolino sul prato, rendendo così questa esperienza ancora più speciale.

Gazzara Costruzioni

Comignano (NO)

Tel. 389 9782194

Gazzaracostruzioni@tiscali.it