Il sindaco di Daniele Baglione e il sindaco Renata Bianco, recentemente ospiti del Governo cinese con una delegazione di altri primi cittadini italiani, hanno posto le basi per futuri progetti di sviluppo comune tra le due città, con l’obiettivo di fare emergere in modo sempre più preponderante le rispettive eccellenze enologiche locali.

La città è in prima linea nello sviluppo dei rapporti italo-cinesi. Ad affermarlo è il sindaco Daniele Baglione, di ritorno dall’International Mayor’s forum on tourism che si è tenuto a Zhengzhou, in Cina con l’obiettivo di favorire la cooperazione e gli scambi commerciali, culturali e turistici tra la Cina e i Paesi del Mondo.

Gattinara era tra i 15 Comuni italiani che hanno composto la delegazione “ azzurra ” insieme alle altre piemontesi Barolo, Monforte, Gavi e Arona; Baglione ha evidenziato:

Questo per noi è motivo di orgoglio e soddisfazione: abbiamo avuto una grande opportunità per presentare il nostro territorio e le nostre eccellenze alla Cina, ma anche a tutti gli altri Paesi che sono stati presenti all’evento.

Con Barolo, Monforte, Gavi e Arona abbiamo fatto scoprire i tratti distintivi della nostra regione a tutti gli interlocutori cinesi e del resto del Mondo. E’ stata un’occasione unica che ci consente di continuare un lavoro già iniziato insieme a Orta e Varallo con i quali abbiamo già aperto canali di collaborazione con la Cina.

Il Governo cinese, che ci ha ospitati punta moltissimo sullo sviluppo di scambi, soprattutto commerciali e turistici con i nostri territori e Noi abbiamo proposto agli amici cinesi, tutto ciò che di buono il nostro territorio ha da offrire per attrarre qui i loro investimenti dal punto di vista turistico e aprirci le basi per poter esportare da loro i nostri prodotti d’eccellenza in particolare, ovviamente, i nostri vini d.o.c.g

Infatti, passata l’estate, che vedrà Barolo invasa dai turisti grazie a “ Collisioni ” e Gattinara, meta di migliaia di persone, a settembre, grazie alla “ Festa dell’uva ”, i due sindaci hanno già in programma una serie d’incontri per sviluppare sinergie comuni e fare dei due territori sempre più un punto di riferimento per gli appassionati di enologia e non solo, provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here