L’origine della problematica può essere di 3 tipologie:

1. Muscolare. Il dolore al polpaccio può essere causato da lesioni traumatiche del muscolo tricipite surale. Il paziente riferisce solitamente di aver avvertito una sensazione simile ad un “calcio sul retro della gamba” durante una fase di spinta. Alla valutazione, il dolore è riprodotto alla contrazione muscolare contro resistenza, all’allungamento e alla palpazione.

2. Nervosa. I sintomi nervosi possono essere causati da radicolopatia lombare, irritazione del nervo sciatico o neuropatia periferica. La ridotta mobilità o l’irritazione delle strutture nervose può causare dolore riferito alla gamba o al polpaccio. Solitamente il dolore è notturno, di tipo bruciante e diffuso, accompagnato da parestesie. I movimenti del rachide lombare, lo Straight Leg Raise (SLR) e lo Slump Test possono essere usati per identificare un coinvolgimento nervoso con la riproduzione del dolore al test.

3. Vascolare. In questo caso bisogna fare attenzione a due situazioni:

A. Sindrome da intrappolamento dell’arteria poplitea. Presenta un quadro simile alla sindrome da sovraccarico biomeccanico: peggiora andando in bici, nuotando, camminando in salita e correndo.

E’ possibile valutare i “polsi distali” prima e dopo l’attività in quanto una loro riduzione post-esercizio può indicare una sindrome da intrappolamento dell’arteria poplitea.

L’indice caviglia-braccio può essere usato per aiutare nell’identificazione di una patologia vascolare.

B. Trombosi Venosa Profonda (TVP). In questo caso è presente rossore, calore, rigidità, gonfiore, distensione venosa ed edema.I pazienti con sospetta TVP dovrebbero essere mandati al PS in quanto potrebbe esserci pericolo di vita!

Il Wells score può essere utilizzato per determinare la probabilità di TVP ed aiutare la scelta clinica (un punteggio uguale o superiore a 2 significa che è probabile la presenza di TVP, un punteggio uguale o inferiore a 1 indica che è improbabile la presenza di TVP). Ad ogni modo, indagini ed esami specifici dovrebbero essere considerati nei pazienti che non migliorano con il trattamento.

Dott. Fisioterapista Edoardo Squintone

Tel. 346-6717471

dott.ft.squintone@gmail.com

Direttore Responsabile del giornale L’Opinionista. Contatti: direttore@lopinionistanews.it –
Tel. 0163 086688

Annunci

Rispondi