Il Sentiero Rilke

Un tramonto sull'Adriatico visto dal sentiero Rilke (foto di Silvio Alaimo tratta da Wikimedia Commons).

Sulle orme del grande poeta boemo che qui s’ispirò per le “Elegie Duinesi”

Rainer Maria Rilke è uno dei poeti di lingua tedesca più ammirati e studiati nel mondo. La sua poetica si esplica attraverso varie opere e una delle più famose e apprezzate è intitolata “Elegie Duinesi” perché pensata e, in parte, scritta, nel periodo della sua vita in cui fu ospite dei conti Thurn un Taxis nel castello di Duino, in provincia di Trieste.

Il Sentiero Rilke da Duino a Sistiana

Pare che il poeta boemo prendesse ispirazione per i suoi componimenti passeggiando lungo un panoramico sentiero che dai pressi del castello lo conduceva fino alla baia di Sistiana. Oggi, a questo percorso si è dato il suo nome: Sentiero Rilke. Si tratta di una passeggiata breve (circa due chilometri che si possono percorrere in una mezz’oretta) e poco impegnativa ma è bene avere ai piedi quantomeno le scarpe da ginnastica se non quelle da trekking perché si cammina spesso e volentieri su dei sassi e il rischio di scivolare c’è. Poiché in molti tratti si procede vicini alla scogliera, c’è anche da fare attenzione a non sporgersi troppo.

Sentiero Rilke, paesaggio spettacolare

Il paesaggio è davvero spettacolare: da un lato la vista sull’Adriatico e sul golfo di Trieste dalla foce dell’Isonzo fino a punta Salvore in Croazia; dall’altro i profumi e i colori della macchia mediterranea che incontra la tipica flora carsica. In pochi chilometri si trova l’anima di tutto il Friuli – Venezia Giulia: un territorio d’incontro fra culture, lingue, tradizioni e, in questo caso, anche biomorfologie. Tra l’altro, il sentiero fa parte della Riserva Naturale delle Falesie di Duino. Le falesie sono delle coste rocciose con pareti a picco. Quelle del Sentiero Rilke si sono formate nel periodo Cretaceo (circa cento milioni di anni fa) con il depositarsi sul fondo del mare di gusci e conchiglie di animali marini. Questo fondo marino si è in seguito pietrificato e circa trenta milioni di anni fa si è sollevato a seguito delle spinte e movimenti della crosta terrestre, ed è emerso. Gli strati pietrificati, sollevandosi, si sono inclinati oppure alzati in verticale e, passeggiando sul Sentiero Rilke, è possibile osservare degli strati rocciosi verticali molto evidenti.

Sentiero Rilke: come arrivare

Il sentiero può essere preso sia da Duino che da Sistiana. Se si parte da Duino, lasciate l’auto nel parcheggio gratuito che troverete prima di scendere verso il paese affacciato sul mare, oppure in uno dei parcheggi che ci sono nella piccola cittadina. Non faticherete a trovare la strada per il Sentiero Rilke perché è ben indicata. Se partite da Sistiana, parcheggiate l’automobile nel piazzale vicino all’AIAT, all’inizio della strada che porta a Sistiana Mare. Da lì potrete prendere il sentiero che, a destra, costeggia la ripida scogliera passando dapprima alle spalle di un campeggio.

Flavio Semprini