Sindaco Canelli: si potrà salire sulla Cupola fino a 98,5 metri di altezza

Il Sindaco di Novara, Alessandro Canelli
Il Sindaco di Novara, Alessandro Canelli

Dal momento dell’insediamento sono stati stanziati quasi 9 milioni di euro per la manutenzione delle strade

Cari Novaresi,

la fine dell’anno diventa anche il momento ideale per riflettere e tracciare dei bilanci. Specialmente quando si è chiamati a guidare una città come Novara, seconda in Piemonte dopo Torino. Il nostro Paese sta attraversando un periodo non facile che naturalmente si ripercuote anche sugli enti locali, i Comuni prima di tutti. Amministrare per il bene della propria città oggi significa far fronte anche a scelte difficili, ma soprattutto ascoltare la voce dei cittadini, saperla interpretare, rispondere alle richieste ed esigenze di chi vive in città. E’ quello che stiamo facendo occupandoci sia di grandi progetti che chiaramente richiedono tempi più lunghi, sia dei problemi di tutti i giorni.

Dal momento dell’insediamento sono stati stanziati quasi 9 milioni di euro per la manutenzione delle strade, abbandonate, sotto questo aspetto, per troppi anni, tanto che, ad oggi, gli interventi da effettuare non sono pochi e sono decisamente onerosi. Abbiamo chiuso il cavalcavia di Porta Milano, che verrà riaperto in questo periodo, per metterlo in sicurezza; sistemeremo la zona di via Garibaldi e piazza Cavour, stiamo intervenendo su strade come Via Fauser, via Regaldi, via Giulietti e tante altre ancora. Sta per partire un ambizioso progetto di rifacimento dell’arredo urbano in centro, che prevede interventi finalizzati a migliorare le strade di Novara che portano ai monumenti più belli, come la Cupola, il Castello, il Duomo ecc. E proprio sul patrimonio culturale di Novara puntiamo con un’iniziativa che andrà a breve in giunta e che consentirà di raggiungere tramite una visita guidata i 98,5 metri di altezza della Cupola, monumento simbolo di Novara. Obiettivo: quello di valorizzare ulteriormente l’opera d’arte antonelliana, aumentando il flusso turistico della città con una nuova e più incisiva impostazione organizzativa. Per ogni Sindaco credo che, in questo difficile periodo, la priorità sia dettata anche dall’occupazione: abbiamo avviato una serie di progetti urbanistici e infrastrutturali che renderanno Novara più attrattiva da un punto di vista economico ed aziendale. Questo per dare la possibilità di creare nuovi posti di lavoro a favore dei nostri concittadini. Stiamo anche lavorando tanto per la sicurezza: molti interventi, in città, sono già stati ultimati. In zona Stazione, da cui provenivano le maggiori criticità, abbiamo potenziato fortemente l’illuminazione e con il bando di Rfi e l’insediamento delle attività commerciali la situazione non potrà che migliorare. Unitamente, come è ovvio, alla presenza continuativa delle forze dell’ordine, Polizia locale in modo particolare. Gli agenti stanno lavorando anche su altri fronti: l’abbandono dei rifiuti, il contrasto alla diffusione e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Tanti progetti si stanno portando avanti anche nelle scuole sui temi della sicurezza e dell’ordine pubblico. Ultimi, ma non per importanza, lo sblocco dell’iter necessario per la realizzazione della nuova Città della salute e della Scienza di Novara, e l’affidamento dei lavori per il nuovo tratto di tangenziale, tra la statale 32 e Agognate.

Rimane ancora molto da fare, come sempre, per il bene della nostra città. Da parte mia non posso che garantire totale disponibilità, dedizione e massimo impegno per rendere ancora più bella e vivibile la nostra Novara. A tutti auguro un sereno Natale da trascorrere insieme ai propri cari, con l’auspicio che il prossimo anno possa portare a tutti grandi soddisfazioni.

Il Sindaco di Novara

Alessandro Canelli